spiderplast-geoplast-provvedimento-cautelare

DALIFORM GROUP, SCACCO MATTO ALLE VIOLAZIONI DI BREVETTO

Tribunale di Venezia, sezione specializzata in materia di impresa

Il giudice designato Dott.ssa Martina Gasparini a seguito del ricorso per descrizione sequestro e inibitoria, ex artt. 129, 131 e 134 c.p.i., 669 bis e ss. 670 c.p.c. proposto da TPS Srl e Daliform Group Srl ha disposto, nei confronti di SPIDERPLAST Srl l’inibitoria a produrre, usare e/o commercializzare e/o pubblicizzare in qualsiasi forma e modo, in qualsiasi canale di vendita, compresa la rete internet, le fiere, ed ogni altra sede commerciale, di tutti i modelli di cassero ad altezze regolabili denominati GOLIATH o comunque denominati in contraffazione del titolo di privativa indicato nel ricorso;

E’ stata fissata la sanzione di € 500,00 per ogni violazione o giorno di ritardo nell’esecuzione di quanto disposto;

E’ stata disposta la pubblicazione del dispositivo dell’ordinanza, a caratteri doppi del normale, a cura della ricorrente ed a spese della resistente, con diritto al rimborso a presentazione delle fatture, per una volta sul quotidiano Il corriere della Sera ed il Gazzettino edizioni nazionali;

Le società SPIDERPLAST Srl e GEOPLAST Spa sono state condannate, in solido tra loro, al pagamento delle spese di lite.

condanna-geoplast-vittoria-daliform-600x300

BREVETTI VIOLATI, DALIFORM GROUP VINCE LA CAUSA

Vittoria in tribunale per la Daliform Group e la T.P.S. che oltre a dover difendere le proprie privative in sede internazionale si sono viste contraffare i propri prodotti da aziende del padovano.

Dopo una vertenza durata sei anni il Tribunale di Venezia – Sezione specializzata in materia di Impresa – ha condannato le aziende GEOPLAST S.p.A. e GRANPLAST 2001 Srl, entrambe di Grantorto, a risarcire oltre un milione e mezzo di euro, comprensivo  di penali e rifusione di costi/spese.
Già nel marzo 2011 erano stati emessi provvedimenti cautelari e di inibitoria contro i prodotti ELEVETOR e NAUTILUS ed in seguito, nel settembre 2013, contro il prodotto NAUTILUS EVO, tutti della Geoplast Spa, poiché ritenuti in contraffazione dei brevetti corrispondenti ai sistemi ATLANTIS ed U-BOOT BETON®, ossia due tra i prodotti di maggior successo della DALIFORM GROUP e apprezzati da archistar del calibro di Renzo Piano, Paolo Portoghesi, Mario Botta, Zara Hadid, Libeskind, Arata Isozaki, Jean Nouvel e molti altri…

La sentenza è stata pubblicata (per estratto) il 29 Settembre 2016 dal Corriere della Sera e il 30 Settembre 2016 ne Il Sole 24ORE – in conformità a quanto disposto dallo stesso Tribunale.

daliform-new-web-site

E’ on line il nuovo sito web

Completamente rinnovato nell’aspetto grafico, nei contenuti e nelle sue potenzialità informative, è online il nostro nuovo sito web, caratterizzato da un layout moderno, funzionale e fruibile da ogni dispositivo.

Questo sito nasce con la volontà di fornire all’utente una maggiore conoscenza e consapevolezza delle potenzialità dei nostri prodotti e della vastità delle loro applicazioni nel settore edile.
Rigorosamente in 12 lingue, il nuovo layout si presenta completo di sezioni, facilmente navigabili, ricche di informazioni per essere più vicino alle esigenze di tutti gli stakeholder.

istanbul-new-airport__r012_s

Daliform Group si aggiudica la commessa per la sopraelevazione del pavimento industriale del più grande aeroporto del mondo.

Daliform Group, azienda leader nell’ideazione e produzione di manufatti in plastica per il settore delle costruzioni, chiude l’accordo con “IGA” e si aggiudica una fornitura ultramilionaria per il più grande hub aeroportuale del mondo nelle vicinanze di Istanbul.

Il Dott. Antimo Riccardo Albertini presidente della Daliform Group, ha firmato l’accordo direttamente con “Istanbul Grand Airport”, il consorzio dei cinque contractor-leader turchi, concessionario della costruzione e gestione del Nuovo Aeroporto di Istanbul, per la fornitura iniziale di 186.000 mq del proprio sistema costruttivo “Atlantis”, una variante del più famoso “Iglù®”, per la formazione di un pavimento industriale di notevole sopraelevazione della costruenda aerostazione.

IGA ha scelto per questo maestoso progetto il prodotto Daliform, dopo un’articolata trattativa, perché capace di risolvere svariate e complesse problematiche strutturali grazie alla qualità e flessibilità e del sistema nonché all’eccellenza del team ingegneristico dell’azienda.

“È per noi motivo di forte orgoglio” spiega il Dott. Albertini “contribuire alla costruzione dell’aeroporto più grande e moderno al mondo. Questo primato dimostra il valore d’eccellenza delle aziende italiane ed è la conferma di scelte strategiche premianti, frutto di un lavoro faticoso e tutt’altro che facile. Questa è solo l’ultima di numerose commesse internazionali ottenute dall’azienda che ne conferma il ruolo di apprezzato supplier & partner per innovazione, valenza dei prodotti ed elevata competenza dei nostri ingegneri”.

Da sempre Daliform Group è promotrice di sistemi costruttivi innovativi di grande successo con riconoscimenti ufficiali in tutto il mondo. Negli anni, hanno beneficiato dei prodotti Daliform opere di architetti del calibro di Renzo Piano, Paolo Portoghesi, Mario Botta, Zaha Hadid, Libeskind, Arata Isozaki, Jean Nouvel, … e molti altri.

L’importanza di questo progetto, per l’aviazione mondiale e per l’intera economia della Turchia è della massima rilevanza. Il nuovo aeroporto avrà inizialmente una capacità di 90 milioni di passeggeri all’anno e sorgerà nella parte europea della città a 35 chilometri dal centro, vicino al Mar Nero. Quando tutte le fasi di espansione dello scalo saranno completate l’aeroporto, con le sue sei piste e tre terminal, sarà in grado di garantire gli spostamenti aerei a 200 milioni di passeggeri.